Recensioni libri

Recensione Libro: “Il Ragazzo Ombra” (Diario Vittoriano #1) di Laura Costantini

Buongiorno a tutti grazie di essere su Life is like a wave who rises and falls, #IoRestoACasa e leggo molto, quindi ecco la nuova recensione che vi propongo!

Il ragazzo ombra

(Diario Vittoriano #1)

di Laura Costantini

goWare, 2017, 228 pagine

ISBN: 9788867978007

Robert Stuart Moncliff è un romanziere e un ritrattista affermato. Nell’autunno del 1901 chiuso nel castello di famiglia, su una scogliera scozzese, rilegge il diario degli ultimi vent’anni.

Un’assenza pesa su di lui: la persona più importante della sua vita. Un tredicenne dagli incredibili occhi d’oro apparso come un’ombra, sotto la luna piena nell’aprile del 1881.

Nella lettura Robert rivive la gioia passata, unica cura per superare il giudizio della società vittoriana che ora lo condanna.

Il ragazzo ombra è il primo episodio della serie Diario vittoriano.

Laura Costantini è romana, giornalista e scrittrice. Scrive da sempre in coppia con Loredana Falcone. Ha deciso di dar voce da sola a una nuova serie di romanzi: idea nata molti anni fa. Il ragazzo ombra è il primo titolo della serie. Ha già trovato ottimi riscontri in rete, come edizione 2.0 dello storico feuilleton. Con Loredana Falcone ha già pubblicato Il puzzle di Dio e Ricardo y Carolina, per goWare.

Classificazione: 3.5 su 5.

Reading time: dal 24 al 25 aprile 2020.

Lettura n° 14 del 2020.

Dopo una lettura così impegnativa come Le Benevole sentivo il bisogno di leggere qualcosa di più “leggero”, anche se leggero non è l’aggettivo più giusto. Avevo bisogno di leggere un romanzo vero e proprio e questa lettura del primo volume della serie Diario Vittoriano dell’autrice Laura Costantini mi è piaciuto!

È il primo libro che leggo a tematica LGBT ed ero dubbiosa perché avevo paura che non mi piacesse. In realtà, di tematica LGBT per ora c’è poco e mi dispiace essere stata così titubante dall’iniziare a leggerlo perché pensavo partisse subito in quarta. In realtà narra la storia di due ragazzini, Robert e Kiran, che grazie alla loro profonda amicizia trovano una ragione per vivere, uno stimolo a vivere. Robert, orfano di madre si ritrova nell’estranea India perché il padre William ha accettato un lavoro un po’ particolare per salvare la sua famiglia dalla rovina: deve ritrovare il nipote bastardo della ricchissima Lady Calista Douglas di Lennox. Nella noia e nella mancanza di stimoli che provava Robert, una sera vede un “ragazzo ombra” che compone una danza magnetica mentre si esercita con la spada. Fino a quando una sera il ragazzo misterioso alias Kiran ha bisogno di aiuto. Da lì i due diventano grandi amici, si salvano a vicenda, anche se la loro amicizia è osteggiata dai parenti di entrambi.

I due ragazzini hanno passati diversi alle spalle: Robert è il ragazzino cresciuto sotto una campana di vetro che però si è distaccato dal padre perché egli lo incolpa della morte della madre, mentre Kiran è il nipote con sangue indiano della facoltosa Lady Calista che ha vissuto molti abusi perché non era stato accettato dalla famiglia. Kiran ha un passato importante, ha passato più lui di molti adulti. Ora Lady Calista è vecchia e vuole salvare il nome e la casata Lennox così decide di riprendersi il nipotino.

Il romanzo è strutturato con tre diversi piani narrativi che danno profondità alla storia e soprattutto è grazie a uno di essi che poi si avrà voglia di continuare a leggere la saga:

  1. c’è il piano narrativo del passato con il diario scritto dal punto di vista di Robert con tutte le sue impressioni;
  2. c’è un altro piano al passato cioè nel 1881 ma questa volta è la terza persona onnisciente a parlare e affronta l’interiorità anche degli altri personaggi;
  3. c’è il piano narrativo nel presente, vent’anni dopo, dal punto di vista di Robert, dove tutto è successo e lui rilegge attraverso il diario come tutto iniziò.

È proprio grazie al terzo piano narrativo che si capisce che la saga tratterà la tematica LGBT ma solo grazie ad esso. I tre piani sono scritti con caratteri diversi per aiutarci a tenere il filo e non è complicato, anche se nel passare dall’uno all’altro bisogna fare attenzione per non perdere il filo. Altre tematiche importanti sono prima di tutto l’amicizia, poi quelle del perbenismo ottocentesco dell’aristocrazia inglese, che si rispecchia nella paura anche solo nel formulare certi pensieri riguardo agli interessi del figlio, le violenze su Kiran, la diffidenza nei confronti degli altri, ma anche gli intrighi, il tutto immerso nel periodo storico di fine ‘800. Il linguaggio è preciso e appropriato per il periodo storico.

Questo libro mi è piaciuto molto, tant’è che l’ho letto in praticamente un giorno: ti immerge nei luoghi e nelle ambientazioni dell’epoca, i personaggi sono ben caratterizzati, però è l’inizio, sappiamo che succederà molto ma non sappiamo ancora cosa. Ci invoglia sicuramente alla lettura degli altri però, proprio perché la storia resta così introduttiva, non mi sento di dargli una votazione più alta. Potrà sicuramente crescere nei prossimi libri e sono decisa a leggerli, però vedremo. Le basi per una bellissima storia ci sono e sono molte, sono curiosa di vedere come andrà avanti! Un’ultimissima annotazione per quanto riguarda la copertina pienamente azzeccata che valorizza il libro.

Trovate gli aforismi: QUI.

Buona giornata a tutti,

1 pensiero su “Recensione Libro: “Il Ragazzo Ombra” (Diario Vittoriano #1) di Laura Costantini”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.