Recensioni libri

Recensione: “La biblioteca di mezzanotte” di Matt Haig

Buongiorno a tutti, buona domenica, grazie di essere su Life is like a wave who rises and falls! Oggi vi parlo di un libro molto chiacchierato in questo periodo, infatti vi parlo di:

La biblioteca di mezzanotte

di Matt Haig

Edizioni E/O, 2020

ISBN: 978-8833572635, pagg. 336

Fra la vita e la morte esiste una biblioteca.

Quando Nora Seed fa il suo ingresso nella Biblioteca di mezzanotte, le viene offerta l’occasione di rimediare agli errori commessi. Fino a quel momento, la sua vita è stata un susseguirsi di infelicità e scelte sbagliate. Le sembra di aver deluso le aspettative di tutti, comprese le proprie. Ma le cose stanno per cambiare.

Come sarebbe andata la vita di Nora se avesse preso decisioni diverse? I libri sugli scaffali della Biblioteca di mezzanotte hanno il potere di mostrarglielo, proiettando Nora in una versione alternativa della realtà. Insieme all’aiuto di una vecchia amica, può finalmente cancellare ogni suo singolo rimpianto, nel tentativo di costruire la vita perfetta che ha sempre desiderato. Ma le cose non vanno sempre secondo i piani, e presto le sue nuove scelte metteranno in pericolo la sua incolumità e quella della biblioteca.

Prima che scada il tempo, Nora deve trovare una risposta alla domanda di tutte le domande: come si può vivere al meglio la propria vita?

Di Matt Haig (Sheffield, 1975) le Edizioni E/O hanno pubblicato Come fermare il tempoVita su un pianeta nervosoIl Patto dei LabradorLa Folletta SinceraEvie e gli animali e Ragioni per continuare a vivere. Autore prolifico e versatile, è apprezzato in tutto il mondo per la narrativa per adulti e per l’infanzia nonché per le sue opere di saggistica.

Classificazione: 3.5 su 5.

Reading time: dal 30 novembre al 4 dicembre 2020.

Lettura n° 38 del 2020.

Nora è depressa, si sente sola, inutile, piena di rimpianti per le occasioni sfuggite e scoraggiata da una serie di fatti che le succedono, così decide di suicidarsi. Entra allora in un luogo di transizione tra la vita e la morte che è la Biblioteca di Mezzanotte. Lì la bibliotecaria, la signora Elm le spiega che può scegliere di leggere uno qualunque tra tutti gli infiniti libri che compongono la biblioteca e quindi vivere una qualsiasi vita diversa dalla sua. Finché sarà felice continuerà a vivere quella vita ma quando non starà più bene, quando sarà ancora depressa tornerà alla biblioteca e potrà sceglierne una nuova. Su questo libro sono state dette tante parole, in molti ne hanno parlato benissimo e ho voluto sfruttare l’occasione su Ibs di acquistare due libri al prezzo di uno, così l’ho preso e spinta dall’entusiasmo generale l’ho letto subito. Mi è piaciuto ma il finale è scontato e prevedibile però dire così non è del tutto giusto e spero di riuscire a spiegarmi bene perché c’è dell’altro.

Ho sottolineato molte frasi di questo libro (che vi riporterò in un altro articolo) e mi è piaciuto, ma dopo la prima vita provata da Nora ho capito dove sarebbe andato a parare. Questo è il primo libro che leggo di Matt Haig e da come scrive si capisce che ha sofferto di depressione. I pensieri di Nora sono stati un po’ anche i miei qualche anno fa e mi sono ritrovata nel circolo vizioso di pensieri negativi che si innescano a vicenda creando un serpente che continua a mordersi la coda. In alcuni periodi ho ancora pensieri del genere, quindi posso dire di capire Nora, ma chi di noi non si rispecchia almeno un pochino in lei? Il finale è scontato e prevedibile ma fermarsi qui sarebbe troppo riduttivo e ingiusto perché il finale è anche realista. Ed è giusto così perché altrimenti questo libro sarebbe stato un fantasy con un finale da libro delle favole e mi sarebbe piaciuto molto di meno.

Grazie alle molte vite vissute da Nora in cui tutto all’inizio sembrava bello ma poi capitava qualcosa che la faceva sentire inadeguata e non abbastanza, possiamo capire che ognuno di noi è adatto per la vita che vive. Se siamo ciò che siamo, se siamo in un certo modo e non in un altro è grazie a come abbiamo vissuto finora. Il punto migliore per una ripartenza è dall’oggi, è capire che se vogliamo cambiare possiamo farlo, basta volerlo e impegnarsi. Il desiderio di ripartire cancellando o cambiando la nostra vita è una scorciatoia che per la vita reale non funziona.

“Qualche volta l’unico modo per imparare è vivere.”
“Sometimes the only way to learn is to live.”

Questo romanzo è in parte un fantasy perché la protagonista vive tutte quelle vite che sceglie dalla biblioteca ma tutta questa parte possiamo anche chiamarla come esperienza di pre-morte o luogo di transizione oppure sogno allucinogeno mezzo comatoso. Insomma per questo su Amazon e Ibs è considerato un fantasy ma secondo me non lo è. Il finale scontato e prevedibile rende il libro più reale e molto meno fantasy. Se avesse avuto un altro finale sarebbe stato meno autentico. Nora spezza la catena del ritorno alla biblioteca quando capisce che la vita che fa per lei è la sua vecchia vita e quando desidera vivere e non più sperimentare. Ma per capire ha avuto bisogno di sperimentare. Noi possiamo capirlo leggendo questo libro e riflettendo come ognuno di noi è un po’ Nora.

È stato bello scoprire insieme a Nora come i rimpianti e il vedere le cose dalla prospettiva sbagliata o senza metterle in prospettiva appesantisca la nostra percezione di noi stessi, di come piano piano ci riempiamo di rimpianti senza neanche accorgercene. Sicuramente leggerò ancora almeno altri due libri di Matt Haig perché mi sono ritrovata a riflettere sulla mia vita alla fine delle varie vite di Nora Seed.

“Non devi comprendere la vita. Devi semplicemente viverla.”
“You don’t have to understand life, you just have to live it.”

È stata una lettura piacevole e scorrevole e dovrebbe leggerla chiunque soffra un po’ di depressione o anche quando semplicemente ci si sente un po’ giù di morale. Questo periodo di lockdown più o meno restrittivi è un’occasione in più per scoprire questo libro!

Grazie a tutti, buona serata,

1 pensiero su “Recensione: “La biblioteca di mezzanotte” di Matt Haig”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.