By Me

Questa gestione andrebbe cambiata

Forse vi starete chiedendo cosa sia la gestione a cui mi riferisco e forse lo capirete leggendo l’articolo. Parlerò sempre di gestione perché questo mio post di sfogo rientra nel “mio modo” di affrontare alcune cose, di esprimere alcune mie frustrazioni e non voglio in alcun modo sollevare polemiche che peraltro saranno sicuramente sterili e soprattutto non voglio essere usata come capro espiatorio per parlare di questo argomento. Per questi motivi pubblico qui il mio pensiero e non su Facebook, perché qui resta una cosa letta da persone che non mi conoscono e conto sulla discrezione di chi mi conosce personalmente per non rendere la cosa pubblica tra i nostri conoscenti, mentre su Facebook diventerebbe un modo per sollevare critiche e quant’altro. Critiche che da una parte voglio esprimere perché questa volta come mai prima d’ora ho notato quanto le persone facciano i loro interessi a discapito degli altri ma che parlandone qui voglio restino semplicemente parole scritte perché le cose che non vanno bene continuano ad accumularsi e non voglio che questo mio sfogo abbia un seguito. Non farò alcun nome e cercherò di restare sul vago facendomi capire in modo indiretto. Userò apposta termini generali e vaghi perché la mia non vuole essere un’accusa che altri potranno usare a mio nome e discapito ma – come già detto prima – voglio scrivere di qualcosa a me caro senza secondi fini perché altrimenti avrei avuto la possibilità di pubblicare questa filippica altrove e in modo più esplicito e visto che non l’ho fatto non voglio che altri lo facciano per me.


Questa gestione mi ha approcciata fin da prima che tutto iniziasse, una persona in particolare ha iniziato a lusingarmi in modo anche esagerato facendo leva sui miei interessi, arrivando ai limiti dell’adulazione manco fossi Einstein e iniziando a mettermi la pulce nell’orecchio su un argomento che ero veramente interessata a portare avanti. Alcune persone mi dicevano che poi questa persona sarebbe cambiata perché la conoscevano meglio di me e inizialmente credevo che stessero esagerando perché un comportamento così sarebbe stato palesemente sfacciato, troppo, ma invece è accaduto proprio questo. Poi pochi giorni prima che tutto iniziasse ho parlato con la persona di rilievo in questa gestione e mi ha promesso – con tanto di stretta di mano che a suo dire avrebbe rappresentato un impegno da parte sua nonché la sua parola – che quella situazione si sarebbe risolta e per me sarebbe stato un bel passatempo perché mi sarebbe piaciuto occuparmene anche se avrebbe rappresentato un impegno da parte mia. Dopo che tutto è iniziato sono stata ricevuta ufficialmente da questa persona e dietro una mia piccola richiesta economica che sarebbe stata più simbolica che rappresentativa dell’impegno effettivo, la persona di rilievo mi ha detto che se ne sarebbe occupata e che mi avrebbe ricontattata per definire meglio la cosa e partire col progetto. Io presa dall’entusiasmo ho iniziato a pianificare il da farsi e ho sparso la voce in richiesta del materiale adatto. Oggi a distanza di un anno e mezzo aspetto ancora di essere ricontattata. è facile chiedere a qualcuno di impegnarsi in qualcosa ma dietro la richiesta di un compenso economico simbolico non si può promettere a vuoto e se non si vuole proprio spendere soldi basta essere chiari come lo sono stata io. Non ci vuole molto. Sì, non c’era nessun impegno scritto, ma visto che questa cosa avrebbe portato risalto a tutti – a loro più che a me che avevo un piacere personale più che un ritorno economico – non si può arrivare a questo punto.

Altri comportamenti anomali di questa gestione sono stati che durante la pubblicità che si sono fatti prima che tutto iniziasse, hanno selezionato le persone con cui farsi pubblicità, io ero stata “casualmente ignorata” perché le mie amicizie mi facevano probabilmente propendere da un’altra parte.

La cosa peggiore è stato il comportamento della gestione durante la quarantena di un anno fa: tutti gli esponenti erano assenti, spariti, sembravamo abbandonati a noi stessi, senza nessuna notizia. Altre gestioni si sono esposte in prima persona, non senza critiche che in questi casi ci saranno sempre e comunque, ma per lo meno hanno fatto sentire la loro presenza e vicinanza e hanno informato chi dovevano. Altre, ma non la mia. Per più di due mesi sono tutti spariti e non si sapeva nulla riguardo alla situazione COVID. Ovviamente in questi casi bisogna tener presente la privacy individuale ma fare un bollettino settimanale come peraltro ora si può vedere su un sito ufficiale non avrebbe fatto male ma avrebbe aiutato tutti noi ad affrontare forse con meno angoscia iniziale la quarantena.

Sempre la persona che usa il proprio profilo Facebook per pubblicizzare il bello che viene fatto, avendo notato la scarsa efficienza di una prestazione ne loda un’altra che invece è efficiente ma che non ha le stesse caratteristiche e funzioni della prima. Piuttosto che dirottare le persone sulla seconda, non si può migliorare la prima che è una prestazione essenziale?

Ultimamente è emersa un’altra importante questione ma la gestione ha detto che non c’è modo di risanare la situazione e che si vedrà costretta a tornare a vecchie abitudini. Anche questa questione è stata gestita malissimo e visto i tempi che corrono c’era da aspettarselo, ma la tempistica straordinaria e particolare in cui è emerso il problema è stata usata come ennesima attenuante. è assurdo voler guadagnare da qualcosa senza investirci soldi, pensando che le persone la accettino e paghino per qualcosa di cui non hanno realmente bisogno e che non rappresenta più una cosa utile a tutti e non è più il piccolo gioiello che era prima. è impensabile pensare di portare avanti un posto senza tenerlo aggiornato e al passo coi tempi e le normative attuali.

Questa gestione ha fatto altre azioni, che si sono dimostrate inutili, altre che hanno suscitato polemiche perché sembrano senza senso, ci sono state domande e osservazioni che sembrano inascoltate perché nulla è cambiato. L’importante è vedere la zona pulita, poi se ci sono o meno servizi e la loro qualità passa in secondo piano.

Quando qualcosa di bello o di giusto o semplicemente di necessario in positivo viene fatta, una persona usa il suo profilo Facebook personale per pubblicizzarla, quando invece c’è qualcosa di negativo bisogna venire a saperlo dalle conoscenze e non attraverso i canali ufficiali se non quando ormai è praticamente di dominio pubblico e la sanno anche a chi non interessa. Si dà risalto a cose futili che non possono essere risolte mentre quelle veramente importanti a cui si potrebbe provvedere vengono taciute e affrontate solo quando non si può fare altrimenti.

Insomma l’importante è l’apparenza poi il resto passa in secondo piano. Quello che mi ha deluso maggiormente è venire a conoscenza di fatti passati che col tempo hanno avuto importanti ripercussioni generali su tutti. Inoltre non è bello che altre compagnie, o meglio alcune persone in esse, abbiano così tanta importanza perché fanno tutto ciò per l’apparenza di tutti ma dietro seguono i loro interessi ben precisi. E queste persone sempre pronte a farsi in quattro pur di apparire e di avere il loro minuto di notorietà condizionano tutta la gestione perché tutti dovrebbero prendere esempio da loro.


Non so se avete capito a cosa mi sto riferendo ma forse è meglio così: era da un po’ che volevo scrivere una cosa di questo genere ma la mia paura era di sollevare polveroni con la mia faccia impressa ma se non avete capito meglio così. Io mi sono sfogata e mi sono tenuta apposta sul vago, non dando alle situazioni i loro nomi ed è giusto così.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.