Alessandro Magno, Recensioni libri

Recensione libro – Collaborazione: “Leonida: il poema dell’eroe” di Yvan Argeadi


RECENSIONE PUBBLICATA SU ALESSANDRO III DI MACEDONIA


Buongiorno a tutti, grazie di essere su Life is like a wave who rises and falls! Ho iniziato il mio anno libresco lasciando un attimo da parte Alessandro Magno perché avevo bisogno di tornare al piacere della lettura in sé e per sé. Oggi posso recensirvi un libro che non è un libro, ma nemmeno un racconto ed è qualcos’altro 🙂 Ovviamente è sempre dell’autore molto discusso su questo blog:

Leonida: il poema dell’eroe

di Yvan Argeadi

StreetLib, 2021

ISBN: 979-1220244350, pagg. 58

480 a.C.

La Persia giunse sulle nostre spiagge con armate provenienti da tutta l’Asia.
Mentre le litigiose città elleniche decidevano sul da farsi, il Re di Sparta Leonida prese al proprio seguito un pugno di uomini e si gettò al massacro presso lo stretto passo delle Termopili.
Il racconto in forma epica di una battaglia combattuta in nome della libertà, del sacrificio di trecento uomini e del valore dell’ultimo degli Eraclidi.

Classificazione: 5 su 5.

Reading time: il 2 gennaio 2021.

Lettura n° 2 del 2021.

Prima di tutto desidero ringraziare Yvan e Diletta per la copia del libro! Grazie di tutto!

Yvan ha deciso di mettersi ancora alla prova e di scrivere qualcosa di nuovo, un poema e posso dirvi fin da subito che mi è piaciuto moltissimo! Nella prefazione ci avverte che ha preso spunto dall’idea di poema e che più che altro ne ha ripreso la storia narrata in modo fiabesco e con toni epici e lo schema narrativo. Il tutto si traduce in un – passatemi il termine – racconto che è una figata! Decide così di narrarci dell’eroica impresa dei 300 spartani con un focus sul loro valoroso comandante Leonida.

“Tra tutti gli uomini colui che più doveva essere temuto era l’uomo libero.”

Ho trovato questo testo geniale: Yvan adatta la sua scrittura allo stile e ne esce un poema in chiave moderna. Non sono esperta di epica, non ho letto l’Iliade anche se è tra i libri da leggere – non posso non conoscere le gesta di Achille e Patroclo tanto amati da Alessandro! – ma dopo le prime pagine mi è venuto automatico immaginare che quello che stavo leggendo fosse la voce fuori campo del film 300 di Frank Miller. Quel film è bellissimo per la sua particolarità e il testo di Yvan, sebbene non ha nulla a che fare col film, è particolare, esagerato e cruento, ma volutamente. Vi faccio due piccoli esempi di cui il secondo mi ha fatto ridere da matti:

“Che Re pretenzioso il Sovrano dei barbari, tanto da ordinare ai suoi centomila arcieri di scoccare così tante frecce contro gli spartani da oscurare il sole.”

L’ira colpì il Re spartano alla vista dei suoi uomini calpestati come foglie secche, una rabbia tonante che indusse spavento persino agli Dei che svelti richiusero i cancelli del cielo cessando la pioggia.”

Insomma il linguaggio di Yvan è volutamente esagerato, quasi caricaturale, ma secondo me calza a pennello nell’aura epica che un poema deve avere. Già sogno un poema anche su Alessandro e dopo che avrete letto questo non potrete non pensarlo anche voi 🤩 Con un escamotage Yvan fa pensare a Leonida com’è strutturata la società spartana così anche i meno ferrati di storia antica potranno sapere a grandi linee perché Sparta fu così tanto diversa da Atene. Verso la fine dell’opera scopriamo che ci viene narrata da un sopravvissuto senza nome, che non è degno di essere ricordato per nome in quanto sopravvissuto, ma che ha voluto eternare la gloria del valoroso Leonida cantandone le gesta e il sacrificio. Leonida è in assoluto il protagonista del libro e lo conosciamo come un grande comandante capace di motivare i suoi uomini, orgoglioso, coraggioso, patriottico, che non arretra e non da le spalle al nemico. I combattimenti sono esageratamente epici ma in questo contesto sono perfetti. Bello anche come alla fine del poema Yvan/narratore sconosciuto voglia omaggiare anche Omero parafrasando le famosissime prime righe dell’Iliade!

Questo poema è suddiviso in tre libri, ognuno dei quali ha cinque capitoli, ha la prefazione iniziale, il glossario dei termini, alcune interessanti informazioni su Sparta (ampliate e modificate rispetto a L’ultimo eroe di Sparta, qui parla anche di Licurgo tra le altre modifiche!) un approfondimento sulle guerre condotte da Sparta, alcuni aforismi e la biografia dell’autore. Mi è piaciuta moltissimo la dedica finale a chi ogni giorno combatte per la nostra libertà e sicurezza, come fece Leonida coi suoi 300 valorosi guerrieri. Se cercate una fiction storica dal sapore epico sull’impresa di Leonida alle Termopili dovete leggerlo! Trovate questo libro in formato digitale già disponibile in tutti i negozi on-line e presto sarà disponibile anche in formato cartaceo (che sarà mio!).

Yvan non poteva aprire il 2021 in modo migliore, con un testo che ho letto molto volentieri perché sebbene non parli di Alessandro voglio leggere tutto quello che pubblica, ma proprio grazie al fatto che non parla di Alessandro rientra perfettamente tra i libri che voglio leggere in questo periodo, un libro che mi faccia tornare al piacere della lettura in sé e per sé!

Grazie a tutti, grazie a Yvan e Diletta, continuate a seguirmi,

#copiaomaggio #prodottooffertoda Yvan Argeadi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.