Recensioni libri

Recensione: “Gstaad 95-98” by Marek van der Jagt

4 stelle

Letto dal 10 al 13 novembre 2018.

Frutto di una relazione frettolosa, cresciuto in camere d’albergo assieme alla madre, “gigantessa” con la passione per il furto, François Lepeltier conduce un’esistenza torbida fatta di incertezze, ricatti, perverse mistificazioni non solo subite, ma anche operate. Il suo è un universo alla rovescia, dove ogni morale è sovvertita. Di peccato in peccato, questo eroe negativo, che non ha scelto il male per necessità, ma in base a un aberrante punto di vista filosofico, percorre una carriera costellata di miserie e orrori, fino a diventare sommelier del Palace Hotel di Gstaad. Qui François si troverà a recitare la sua parte più difficile, una parte che lo ricondurrà al punto di partenza. Il nuovo romanzo dell’alter ego di Grunberg, Marek van der Jagt.

Il protagonista, eroe negativo di questa storia, nella sua semplicità ha un punto di vista filosofico molto preciso: chi non è nessuno è costretto a recitare una parte e a diventare quello che recita. È molto difficile farsi piacere il protagonista di questo libro perché è un uomo malato, disturbato, disagiato, ossessionato e non poteva essere altrimenti visto come è cresciuto. Lo seguiamo nel racconto in retrospettiva dalla sua infanzia all’età adulta. Per continuare a sopravvivere continua a trasferirsi insieme alla madre e ad ogni nuovo paese interpreta una nuova persona. Il bello è che nelle diverse città in cui si trova, si finge e inventa dei personaggi totalmente diversi, con professioni particolari e nonostante la sua ignoranza nel mestiere, riesce comunque a risultare convincente ai poveri malcapitati.

Questo libro manca di moralità perché siamo noi a giudicare il protagonista che per ogni brutta azione che compie trova delle scuse più o meno necessarie. Non è una lettura facile e adatta a tutti e in certi punti mi ha perfino disgustata, ma quello che sorprende di questo libro è che, nonostante la bruttezza del protagonista, il libro piace. Letture come queste non ne capitano molte. E proprio per questo è particolare, efficace, da leggere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.