Recensioni libri

Recensione: “Contaminati” by Erica Gatti, Sofia Guevara

Contaminati

Read from January 15 to 18, 2017

3 stelle

Inizio l’anno con il libro di un editore per me nuovo: Contaminati delle giovani Erica Gatti e Sofia Guevara. C’erano altri due titoli della collana Talent che mi ispiravano molto però ho iniziato col prenderne uno per orientarmi un po’ sulla strada presa da questa nuova collana della Centauria. Probabilmente le mie aspettative per questo libro erano troppo alte, avevo letto solo recensioni più che entusiaste e avevo smesso col fare delle considerazioni che andavano fatte.
Adesso queste considerazioni le faccio.

Mi sento un po’ cattiva ad essere la prima che mette solo tre stelle, però devo e voglio dire la verità.
Leggendo le recensioni dei libri della collana Talent ho trovato qualcuno che diceva che i libri vanno trattati nello stesso modo, sia che siano scritti da un autore esordiente sia che da uno ormai famoso. Non sono completamente d’accordo con questa affermazione perché non si può pretendere di leggere un libro qualitativamente uguale da un autore all’esordio e da uno al quinto o sesto libro (avrei potuto scrivere al ventesimo libro, ma non sempre, anzi raramente, un autore prolisso è anche qualitativamente ottimo).
Per assegnare le stelle mi baso su quello che mi suggerisce Goodreads e anche sulle mie letture precedenti, quindi un libro come questo viene penalizzato perché devo paragonarlo a quello che ho già letto.

Questo libro non mi è affatto dispiaciuto. Il cambio di mano delle due autrici si nota ma è una cosa molto sottile che può passare facilmente inosservata. La scrittura è scorrevole, efficace e incisiva. I quattro protagonisti sono ben delineati e caratterizzati. La scrittura in prima persona rende tutto più efficace e l’alternarsi dei punti di vista è molto bello e studiato nel modo giusto. Mi è piaciuto molto che sia stato ambientato in Russia: da quando ho letto il Cavaliere d’Inverno mi sono innamorata della Russia e mi piacciono tutti i libri ambientati lì. Purtroppo però, nonostante il tema trattato (il sequestro e di tutte le sue conseguenze psicologiche), non mi ha intrigata, non è stata una lettura tutta d’un fiato perché volevo assolutamente scoprirne di più. Per più di due terzi del libro si ha a che fare con quattro ragazzini in piena sindrome di Stoccolma e tutte le spiegazioni dei loro comportamenti controproducenti, sbagliati, ossessivi, masochisti, inspiegabili vengono date nell’ultima settantina di pagine. L’unico ragazzino che mi sembrava più sveglio e analitico rispetto agli altri, dopo un certo punto di svolta si perde totalmente, forse anche più degli altri che sembravano più suggestionabili. Sarebbe stato meglio svelare qualcosa in più fin dall’inizio, qualcosa che catturasse il lettore, che lo tenesse incollato alle pagine, invece che lasciare tutto alla fine.

Dato che è facile criticare, mi sento anche di dire che l’esordio narrativo di queste due giovani autrici non è affatto male, possono solo migliorare e sicuramente leggerò ancora le loro opere, che scrivano ancora insieme oppure separate. Consiglio questo libro sia al pubblico giovane che a quello più adulto perché è un thriller che molti possono apprezzare.

Continuate così Sofia ed Erica!

Per chi volesse qualche dettaglio in più un po’ spoileroso:
Leggendo le recensioni su internet avevo tante aspettative, troppo alte. Il problema è stato che leggendo la storia dei 4 protagonisti, da quando scappano dalla casa controllata, ho iniziato ad analizzare il loro comportamento e le loro motivazioni e mi sembravano insensate. Più andavo avanti con la lettura e più pensavo che fossero dei pazzi, che dall’esperienza del rapimento fossero usciti disturbati.
Poi si spiega tutto, quindi tutto è giustificato e rientra in un disegno più grande di Rostov Spoiler[e di Irina,]Fine spoiler niente resta lasciato al caso.
Il mio problema è stato che forse per come sono fatta io, cercavo di trovare una spiegazione razionale che arriva solo alla fine ma, proprio per questo, durante la lettura avevo modo di criticare alla grande i protagonisti. Non so se riesco a spiegarmi XD
Spoiler [La spiegazione del sangue però è molto efficace perché richiama il titolo e inoltre dimostra come loro siano stati plagiati nel profondo in un modo in cui non se ne rendono neanche conto.] Fine spoiler
Questo libro non è stata una delusione perché non ci sono dei passaggi molli. Dalle recensioni pensavo che avrei letto un libro che mi tenesse letteralmente incollata alle pagine e che poi alla fine mi facesse dire “wow che meraviglia”, così non è stato però non mi sono annoiata, la scrittura è veramente molto scorrevole e non ci sono delle parti deboli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.