Aforismi

The Walking Dead Stagione 2 (2011-2012)

Forse sto perdendo la speranza che tu mi stia ascoltando. Ma c’è sempre una possibilità, giusto? Una remota possibilità. Ci sono solo remote possibilità ora. Ho cercato di non sbagliare, di mantenere tutti al sicuro. Ci ho provato, Morgan. Siamo molti di meno ora, abbiamo perso un’altra donna, è successo l’altro ieri. È stata una sua scelta, non posso biasimarla. Non aveva più fiducia. Il CCM era un vicolo cieco. Atlanta è persa. Proveremo ad andare a Fort Benning. Ci aspetta un viaggio lungo e faticoso, forse ancora più di quanto io possa immaginare, ma non può esserlo più del viaggio che abbiamo fatto finora, no. Sto tenendo duro per non perdere la fiducia. Non posso. Se la perdo, gli altri… La mia famiglia, mia moglie, mio figlio. Siamo rimasti in così pochi ora, quindi dobbiamo restare uniti, lottare gli uni per gli altri. È l’unica possibilità che abbiamo. Fa’ attenzione là fuori, Morgan. Spero che tu e Dwayne stiate bene. Magari un giorno ti vedremo a Fort Benning. Rick. Adesso chiudo. –VFC Rick Alla Radio, 2.01

Volevo morire a modo mio, non farmi sbranare da mostri bavosi. Era una mia scelta! Tu mi hai tolto questa possibilità, Dale. Ma tu che cosa ne sai? Dopo la morte di mia sorella, non volevo altro che uscire da questo orribile incubo che viviamo ogni giorno. Non avrei fatto del male a nessuno. Mi hai tolto la possibilità di scegliere, Dale, e tu ti aspetti gratitudine? –Andrea, 2.01

A tutti quanti possiamo dare delle colpe. –Shane, 2.01

Sarebbe il miracolo che ci serve, non rinunciamoci! –Rick, 2.01

Vi affidate a lui ma siete pronti a incolparlo al primo errore. Se pensate di farcela da soli, andatevene! Nessuno vi fermerà. –Lori, 2.01

Colpevolizzarsi non serve a niente. –Shane, 2.02

– Quando è comparsa l’AIDS, si è diffuso il panico. In città arrivò un ragazzo che l’aveva contratta e alcuni genitori tolsero i figli dalla scuola perché non volevano che dividessero l’aula con lui. –Hershel

– Sì, ma questa volta è diverso. –Rick

– È quello che diciamo sempre, “questa volta è diverso”. –Hershel

– Stavolta è proprio così. –Rick

– L’umanità combatte contro le pestilenze da sempre. Ci pieghiamo come canne al vento per un po’ e poi ci rialziamo. È la natura che corregge se stessa, ripristinando un equilibrio. –Hershel

– Vorrei tanto poterci credere. –Rick, 2.02

Le persone si perdono e sopravvivono continuamente. –Daryl, 2.03

Bisogna pur mangiare. È l’unica cosa che abbiamo in comune con questi zombie. –Daryl, 2.03

A tutti serve un piccolo aiuto adesso. –Glenn, 2.03

Perché le cose vadano bene, dipende da te, qualsiasi cosa succeda. –Maggie, 2.03

Si fa quello che va fatto. –Rick, 2.04

Da solo sto meglio. –Daryl, 2.04

– I bersagli fissi sono una cosa. È facile con ciò che non si muove, ma colpire un assalitore, uno che sta cercando di ucciderti, è diverso. Dicono che in quel genere di situazioni, le cose rallentano. È una stronzata, accelerano. L’adrenalina ti fotte se glielo permetti. Devi usare l’istinto, niente adrenalina. Sì, perché qualcuno morirà e sei tu che devi prendere quella decisione. –Shane

– Come? Insomma, come riesci a farlo? –Andrea

– Spegni l’interruttore. L’interruttore, quello che ti fa provare la paura, la rabbia, la compassione, tutto quanto. Non devi pensare, devi agire. Perché può darsi che qualcuno stia contando su di te. Il tuo compagno, il tuo amico. Non è facile togliere la vita a un uomo, anche se pensi che abbia poco valore, ma quando sei costretto a farlo, poi devi dimenticartelo. –Shane, 2.04

Alcuni uomini non guadagnano mai l’amore dei propri figli. –Hershel, 2.04

È una rosa Cherokee. La storia è che quando i soldati americani cacciarono gli indiani dalle loro terre, lungo il Sentiero delle Lacrime, le madri Cherokee piangevano disperate perché perdevano i loro figli lungo il cammino per il freddo, le malattie, per la fame. Moltissimi di loro sparirono e basta. Quindi gli anziani recitarono una preghiera. Chiesero un segno per risollevare il morale delle madri, per dargli forza, speranza. Il giorno dopo queste rose spuntarono lì dove erano cadute le lacrime. Non sono così stupido da credere che dei fiori sboccino per mio fratello. Ma penso che questo sia sbocciato per tua figlia. –Daryl, 2.04

Ti dirò io che cos’è. È nostalgia, è come una droga, non ti fa vedere la realtà. È pericoloso, ci sono persone che dipendono da te. –Shane, 2.05

– Shane dice che le mie buone intenzioni ci rendono deboli. Non posso prendere decisioni difficili per il bene del gruppo. –Rick

– Sono tutte decisioni difficili! –Lori

– Ma magari sto agendo secondo un modo di pensare che non ha più senso ormai. Lui dice che è matematica, sopravvivenza di base, carburante, cibo, munizioni. Non c’è spazio in questa equazione per le debolezze. È semplice quando cominci a pensare alla vita in questo modo. –Rick, 2.05

Andiamo! Sei a metà strada, non fare la femminuccia. –Daryl, 2.05

Alcune cose non cambiano mai. –Daryl, 2.05

È la cosa più facile del mondo non aiutare chi ha bisogno. –Lori, 2.05

Tutto è cibo per qualcun altro. –Carl, 2.06

Non guardarmi in quel modo. Come se avessi paura, come se non ti fidassi di me. Posso sopportarlo da chiunque altro ma non da te. –Rick, 2.06

Solamente i ricordi mi fanno andare avanti. –Lori, 2.06

Puoi urlare se vuoi. Puoi gridare se devi farlo, ma parlami. –Lori, 2.06

Usare un’arma è una cosa seria. Anche non sbagliando, gli incidenti accadono lo stesso. Pensate sempre, prima di premere il grilletto, pensate velocemente, ma fatelo. Siate coscienti delle conseguenze. Mai sparare, senza un’ottima ragione. Una ragione con cui possiate convivere, perché la morte resterà con voi. Per sempre. –Shane, Scene Tagliate, 2.06

Sono stanco dei segreti. I segreti possono uccidere. Preferisco vederti incazzata con me e viva, che piacerti e vederti morta. –Glenn, 2.07

È inutile parlarne ora, ormai è andata. Non c’è niente che possiamo fare. –Lori, 2.08

Pensavi che ci fosse una cura. Non posso biasimarti per aver avuto una speranza. –Rick, 2.08

Sai qual è la verità? Non è cambiato niente, perché la morte è morte, c’è sempre stata. Che sia un infarto, il cancro o uno zombie, qual è la differenza? Prima non pensavi che ci fosse speranza, no? Ci sono persone a casa tua che vogliono andare avanti. Hanno bisogno di noi. Anche se non c’è un motivo per andare avanti, anche se alla fine non crediamo più in noi stessi. Sai una cosa? Non si tratta più di quello in cui crediamo noi, ormai. Adesso si tratta di loro. –Rick, 2.08

Io sarò sempre quello fuori dal coro. –Shane, 2.09

Rick, non puoi fare il bravo ragazzo e aspettarti di sopravvivere, ok? Non più. –Shane, 2.10

Non ho mantenuto io in vita Lori e Carl, amico. Loro hanno mantenuto vivo me. –Shane, 2.10

Gli uomini devono fare certe cose. Sia che le facciano o che non le facciano diranno che è colpa delle donne. –Lori, 2.10

Vorrei prometterti che in futuro sarà tutto ok. Non posso, ma possiamo fare in modo che il presente vada bene e dobbiamo farlo. –Lori, 2.10

– Fa’ pure, pensaci su, Rick! Continua a tormentarti. Non è difficile, amico! La scelta giusta è quella che ci mantiene in vita! È sempre lo stesso con te. È come il primo momento. Succede ogni volta che sei di fronte a una scelta! –Shane

– Smettila di fare quello che sa tutto lui, che conosce le regole! Non ci sono regole, amico. Ci siamo persi. –Rick

– No, no ti sbagli. Io so esattamente dove sono. –Shane

– Tu non sai più un cazzo! –Rick, 2.10

È che a volte devi superare il limite. –Lori, 2.10

Non può essere così facile uccidere qualcuno, uccidere chiunque. E tu lo sai bene. –Rick, 2.10

Il mondo che conoscevamo è finito, ma conservare la nostra umanità è una scelta. –Dale, 2.11

Non parlare, pensa. È una buona regola per la vita. –Rick, 2.11

Quando diventerai padre, un giorno lo capirai. Nessun uomo vale abbastanza per la tua bambina, finchè non arriva quello giusto. –Hershel, 2.11

– Una volta mi hai detto che noi non uccidiamo i vivi. –Dale

– Beh, è stato prima che i vivi cercassero di uccidere noi. –Rick

– Ma non capisci, se lo facciamo, le persone che eravamo un tempo, il mondo che conoscevamo è solo un ricordo! E questo nuovo mondo è orrendo! È crudele, è la sopravvivenza del più forte! Ed è un mondo in cui non voglio vivere! –Dale, 2.11

Gli esseri umani sono stati spazzati via dai mostri, ma continuiamo a essere i nostri peggiori nemici. Questo dovrebbe essere il nostro momento, in cui ci riuniamo per ricostruire il mondo. E invece litighiamo tra noi. Siamo come dei cavernicoli, ci minacciamo con le nostre clave. Abbiamo rovinato tutto. –Dale, Scene Tagliate, 2.11

È casa nostra ormai. –Hershel, 2.12

Questa è la realtà e non possiamo tenerla a bada. Ci ha già raggiunti e continua a colpirci, vero? –Lori, 2.12

Basta cose da bambini. Vorrei che vivessi un’infanzia come la mia ma non è possibile. Molte persone moriranno. Anch’io morirò, la mamma. E non sarai mai pronto per questo. Io cerco di esserlo ma non posso. Il massimo che possiamo fare è ritardare quel momento finchè ci riusciamo. –Rick, 2.12

Quel ragazzo peserà 50 chili bagnato. Vuoi dirci che ha avuto la meglio su di te? –Daryl A Shane, 2.12

Se devi fare una cosa, tanto vale farla bene. –Daryl, 2.12

Io non posso pretendere di sapere quale sia il piano di Dio, ma Gesù Cristo ha promesso la resurrezione dei morti. Pensavo che avesse in mente qualcosa di leggermente diverso. –Hershel, 2.13

La natura ci avrà anche tirato un brutto scherzo, ma la legge di sopravvivenza vige ancora. –Hershel, 2.13

Anche se trovassimo un posto che ci sembra sicuro, non sapremmo mai per quanto tempo lo sarebbe. –Maggie, 2.13

Daryl subisce una metamorfosi, ha come una rinascita. Sa prendersi cura di sé, ma ha bisogno di affetto. Non ha paura di nessuno, ma gli piace far parte di una famiglia, forse per la prima volta nella sua vita. –Norman Reedus, Il Cast Della Stagione 2

Prendere un personaggio importante nel fumetto come Dale e toglierlo di mezzo è un vero shock per i fan. So che ci sono state molte reazioni. Per me va bene. Il fatto che siate arrabbiati perché amavate quel personaggio dimostra che amate questo mondo. Sono certo che riusciremo ad andare avanti anche senza Dale. Per mantenere il coinvolgimento inseriremo altri personaggi. Vi affezionerete a loro quanto eravate affezionati a Dale. E forse uccideremo anche loro. –Robert Kirkman, L’Inchiostro Prende Vita

Ciò che facciamo con il personaggio di Sophia nella seconda stagione è molto diverso dal modo in cui è stata trattata nel fumetto. Sophia è ancora viva nel fumetto. Carl e Sophia crescono insieme. Se dovessero sopravvivere, due persone che hanno vissuto le stesse esperienze e vissuto in ambienti ristretti per quasi tutta la vita si sentiranno strettamente legate? Si odieranno? È un aspetto interessante che stiamo esplorando nel fumetto. La storia di Sophia è un punto fermo di questa stagione. Ha molte conseguenze su personaggi come Daryl Dixon, Carol e Carl. È una storia molto importante. Non trattarla solo perché non ci avevo pensato quando ho scritto il fumetto, o il fumetto è un po’ diverso, mi sembrerebbe assurdo. Restare fedeli al fumetto è bello quando è necessario, ma saltano fuori tante ottime idee parlando con gli sceneggiatori che devi per forza metterle in pratica. Credo che renda la serie migliore. –Robert Kirkman, L’Inchiostro Prende Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.