Aforismi

Mad Men Stagione 2 (2008)

Da un aereo non voglio vedere dove sto andando, voglio vedere la città che mi scompare alle spalle. –Don, 2.01

Un viaggio aereo costa troppo per sprecarlo con tua moglie. –Freddie, 2.01

Su un aereo ci si sente vivi. Vuoi salire su un aereo per vedere un accenno della coscia di una donna perché ha la gonna troppo corta di tanto così. –Don, 2.01

Dicono che “quando cominci a bere da solo sei un alcolizzato”, quindi cerco di evitarlo. –Roger, 2.01

– Le campagne per i giovani non devono uscire per forza dai giovani. –Don

– Ai clienti piace. Ai clienti piace l’ebrezza del giovane talento. –Roger, 2.01

Il successo nasce dallo stare fuori dal coro, non dall’omologazione. –Don, 2.01

Parli come se fossero una nuova versione di noi, ma non è così. I giovani, in realtà, non sanno niente, proprio perché sono giovani. –Don, 2.01

Il fatto che ci sia del sentimento non vuol dire che è sdolcinato. –Don, 2.01

– È il sesso che vende. –Peggy

– Chi l’ha detto? Ricordati che quelli che parlano così pensano che anche le scimmie possano fare questo lavoro. Prendono tutta la loro roba e se la mettono nella valigetta, completamente ignari che il loro successo dipende da qualcosa di più che il loro lustrascarpe. Tu sei il prodotto, tu devi provare qualcosa, è questo che fa vendere, non loro, non il sesso. –Don, 2.01

“Ora aspetto con calma che quella catastrofe che è la mia personalità ritorni a sembrare bella e interessante e moderna. La campagna è verde, marrone, bianca e piena di alberi. La neve e i cieli pieni di risate sono sempre di meno. È tutto meno divertente, non solo più buio, non solo grigio. Potrebbe essere il giorno più freddo dell’anno. Lui cosa ne pensa? Cioè, io cosa ne penso? E se penso, forse sono di nuovo me stesso. –VFC Don che Legge Meditations In An Emergency di Frank O’Hara, 2.01

È incredibile cosa passi per eroismo oggigiorno. –Roger, 2.02

Hai appena avuto uno shock, io non mi preoccuperei di quello che provi. –Don, 2.02

C’è la vita e c’è il lavoro. –Don, 2.02

Quanto è passato, tre, quattro ore da quando è caduto l’aereo? Dovete perdonarmi se guardando un gruppo di cadaveri nella Giamaica Bay non abbia visto un’opportunità. –Don, 2.02

Le persone non dovrebbero portare i problemi personali in ufficio. È così difficile lasciare tutto fuori e fare il proprio lavoro? –Joan, 2.02

Le controversie fanno audience. –Don, 2.03

È la catarsi, difficile da raggiungere. Che c’è di meglio delle lacrime per ricordare alle donne l’importanza di un buon trucco? –Don, 2.03

Tutti abbiamo un capo. –Don, 2.03

Non so nel mondo dello spettacolo, ma in questo ufficio usiamo qualcosa chiamato comunemente “agenda”. –Don, 2.04

Siamo pieni di mattoni ma non so come fare il palazzo. –Don, 2.04

A te piace la sfida. A volte riesce a volte no. È questo il gioco. E quando il gioco riesce, è come fumare la prima sigaretta. Ti gira la testa, ti batte forte il cuore, ti tremano le gambe. –Roger, 2.04

Se portassi a casa quello che succede in ufficio, ti butterei dalla finestra. –Don, 2.04

Non si preoccupi delle regole, ognuno è diverso. –Dottor Stone, 2.05

La fertilità non è legata alla virilità. –Dottor Stone, 2.05

È l’America, scegli un lavoro e impara bene a farlo. –Bobbie Barrett, 2.05

– Mi sono resa conto che io tratto per ogni cosa: l’affitto, l’idraulico, il parrucchiere, l’ho fatto anche in un grande magazzino. È una cosa delicata, devi dire a qualcuno che non vale tanto quanto crede, senza urtare i suoi sentimenti. –Bobbie Barrett

– Trattare è alquanto noioso. –Don

– È come un combattimento. –Bobbie Barrett, 2.05

Perché è così difficile godersi le cose? –Bobbie Barrett, 2.05

È bello essere rassicurati. –Bobbie Barrett, 2.05

Ti dirò quello che ho detto a mia figlia. Se metti un penny in un barattolo ogni volta che fai l’amore nel primo anno di matrimonio e poi ne togli uno ogni volta che lo fai nel secondo anno, lo sai che cosa rimane? Tantissimi penny. –Roger, 2.05

Devi vivere la vita della persona che vuoi diventare. –Bobbie Barrett, 2.05

Anche se nessuno te lo dirà, non puoi essere un uomo. Non ci provare. Sii una donna. È un’arma molto potente se usata bene. –Bobbie Barrett, 2.05

Credo che per dimenticare una cosa si debba dimenticare tutto. –Don, 2.05

Come si diceva al college: “rimaniamo amici”. –Betty, 2.06

Sono sposato da vent’anni, conosco la differenza tra un battibecco e dormire sul divano. Sono scomodi i divani. –Roger, 2.06

Le donne vogliono vedersi come le vedono gli uomini. –Paul, 2.06

Spazzerò via tutte le tue obiezioni. Prima di tutto te la puoi permettere. Sai quanto è gratificante entrare e firmare un assegno di 6000 dollari senza problemi? Secondo, non per essere troppo profondo prima di cena, ma ti devo ricordare della caducità della vita umana? Come dice la canzone: “divertiti, la vita è troppo breve”. –Roger, 2.07

Una cena non si rifiuta mai. –Sal, 2.07

C’è un vecchio detto: “se ti trovi nella terra degli indiani, ti serve qualcuno che conosca gli indiani.” –Don, 2.07

La gente compra le cose per realizzare le proprie aspirazioni, è su questo che si basa il nostro lavoro. –Bert, 2.07

La filantropia è la chiave per il potere. –Bert, 2.07

Ci sono poche persone che possono decidere quello che succederà nel mondo. Tu sei stato invitato a unirti a loro. Alza il sipario e prendi posto! –Bert, 2.07

Tu, vuoi proprio divertirti? Fallo. Vai a puttane, non scoparti la moglie di un altro uomo. Sei spazzatura e lo sai bene. –Jimmy Barrett, 2.07

Un cliente cerca qualunque scusa per non pagarci. –Duck, 2.08

Le donne adorano il verde. –Pete, 2.08

Io dico quello che so. –Betty, 2.08

Io non ti avrei mai fatto una cosa simile. Come hai potuto farla a me? –Betty, 2.08

È bello essere apprezzati. –Peggy, 2.08

Non c’è peccato così grande da non poterlo confidare a Dio. –Padre Gill, 2.08

Il suicidio è scioccante. –Don, 2.09

Un giorno perderai qualcuno che è importante per te, vedrai, è molto doloroso. –Joan, 2.09

La tua lealtà sta diventando una debolezza. –Roger, 2.09

Non avete niente di meglio da fare che ridere dei problemi di qualcun altro come un branco di ragazzine idiote? –Don, 2.09

Si deve giocare con le carte che ti capitano, vero? –Freddie, 2.09

– Le persone commettono errori. Ti senti in colpa, pensi sia tutto finito e alla fine fai un gran gesto per lei. Sarà facile per te, sei un creativo. –Roger

– Roger, la vuoi smettere? –Don

– Dico solo, vuoi stare bene o essere sposato? Il matrimonio non è naturale, ma ci si sposa. –Roger

– Perché? –Don

– Ah, non saprei. I figli… E non illuderti, ci sono altre cose. Pensa a quando l’hai conosciuta. –Roger, 2.09

Non è una fine, è un nuovo inizio. –Don, 2.09

È la tua vita. Non sai per quanto durerà ma sai che finirà male. Devi andare avanti. Appena capisci che cos’è. –Don, 2.09

Non devi sentirti in colpa perché sei brava. –Don, 2.09

La conversazione è un’arte. –William, 2.10

Il consumatore non ha colore. –Paul, 2.10

Certe volte penso che volerei via se Don non fosse la mia ancora. –Betty, 2.10

“Sono distesa su un letto allo Sherry Nathan Hotel. Deliziata e distrutta. Inebriata dalla fragranza delle lenzuola, scaldata dal calore che hai lasciato. Mi fai ringiovanire con le risate, mi fai invecchiare con la saggezza. Rendi più dolce il mio vino.” –Jane, 2.11

Non dovrebbe sorprendermi niente di quello che fai. –Roger, 2.11

Non importa quanti anni ho, le nostre anime hanno la stessa età. –Jane, 2.11

Non so perché le persone fomentino i problemi. Fa male agli affari. –Harry, 2.11

Perché vuoi negarti qualcosa che desideri? –Joy, 2.11

Un bravo uomo d’affari sa che se la moglie non è felice, il suo lavoro ne risente. –Tom Vogel, 2.12

C’è una bella differenza fra volere e avere. –Betty, 2.12

– Mi serve un ufficio. È dura fare affari ed essere credibile se lo condividi con una fotocopiatrice. L’ufficio di Freddie Rumsen è vuoto già da tempo. Potrebbe darmi quello. –Peggy

– È suo. –Roger

– Davvero? –Peggy

– Voi ragazze siete molto aggressive. –Roger

– Non volevo essere scortese. –Peggy

– No, è bello. Trenta uomini qui non hanno avuto le palle per chiedermelo. –Roger, 2.12

La gente non cambia. –Don, 2.12

Vivendo si imparano tante cose. –Anna, 2.12

Il mondo continua anche senza di noi. Non è certo il caso di prendersela. –Don, 2.13

So che tu vuoi tutto e che lo vuoi subito, ma spesso è meglio aspettare di essere pronti. –Don, 2.13

“Cara Betty, sono qui al Roosevelt e guardo a nuca di Bobby e Sally mentre guardano la tv. Non gli permetto di cambiare canale perché se guardo i notiziari sto male e loro lo vedrebbero. Penso a te e a come mi sono comportato, al mio rimorso. So che è colpa mia se tu ora non sei qui. Capisco perché preferisci andare avanti senza di me e so che non starai da sola per molto tempo, ma sappi che senza di te, io rimarrò solo per sempre. Ti amo, Don.” –VFC Don Nella Lettera, 2.13

– Ho pensato a tutto quello che sta succedendo e mi sono detto: a chi importerebbe se me ne andassi? Aspetta, a Trudy importerebbe, ma non mi conosce per niente. Ma tu sì e io conosco te. E penso che tu sia perfetta. –Pete

– No, non sono perfetta. –Peggy

– Sì che lo sei e vorrei tanto aver scelto te. –Pete

– Pete. –Peggy

– Ti amo, Peggy e voglio stare con te. Che c’è? Non lo sapevi? –Pete

– Pete, avrei potuto averti nella mia vita per sempre, se avessi voluto. –Peggy

– Che cosa vuoi dire? –Pete

– Avrei potuto averti. Ti saresti vergognato e saresti rimasto con me. Ma non ho voluto farlo. –Peggy

– Cosa stai dicendo? –Pete

– Mi avevi messa incinta. Ho avuto un bambino e l’ho dato via. –Peggy

– Cosa? –Pete

– Ho avuto il tuo bambino e ho scelto di darlo via. –Peggy

– Dici sul serio? Non puoi dire sul serio. –Pete

– Io volevo altre cose. –Peggy

– Non riesco a capirti. –Pete

– Beh, un giorno sei qui e poi, all’improvviso, non rimane niente di te. E allora ti chiedi dov’è finita la tua parte migliore, se vive da qualche parte, al di fuori del tuo corpo. E continui a pensare che prima o poi la riavrai. E poi ti rendi conto che se n’è andata per sempre. –Peggy

– Perché mi dici questo? –Pete

– Mi dispiace, Pete. –Peggy, 2.13

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.