Aforismi

La Casa Nella Prateria Stagione 5 (1978-1979)

Ti ricordi cosa disse il signor Nash quando lasciammo Mary alla Barton School? “Fate presto, gli addii lunghi sono penosi”. –Charles, 5.01

Possiamo fare molto finché staremo insieme. –Charles, 5.01

Tutto è possibile quando si paga bene. –Harriet, 5.01

Gli uomini che vivono sfruttando altri uomini si degradano, meritano la nostra pietà, non la nostra ira. –Caroline, 5.02

In tutti c’è del buono. –Caroline, 5.02

Tutti hanno bisogno di un’istruzione. –Charles, 5.03

Non dovevi aiutare il nemico! –Harriet, 5.03

– La gente gioca e tu sai perché? Per vincere e non per perdere. –Harriet

– E quelli che giocano per esercizio e divertimento? –Nels

– Vincere è divertimento, Nels, perdere è esercizio. –Harriet, 5.03

Non è divertente vincere se non si gioca. –Willie, 5.03

Quello che conta non è vincere, ma giocare bene la partita. Continuate ad allenarvi e fate meglio che potete! –Charles, 5.03

È inutile sentirsi male per una cosa che non posso cambiare. –Adam, 5.03

Quando si vive al buio l’unica luce è la verità. –Adam, 5.03

– Mi dispiace veramente, mamma. –Laura

– Il modo migliore per dimostrarlo è cercare di non farlo mai più. –Caroline, 5.04

Perché la gente dovrebbe andare avanti? Ecco il problema di questa gente: guardano sempre al domani e si perdono l’oggi. Vogliono guadagnare di più per comprare qualcosa di meglio. Ma il domani non arriva mai. –Caroline, 5.05

Siamo una famiglia, staremo insieme. –Charles, 5.05

Non dimenticherò mai cosa ci hai detto quando sei andato via: non importava quanto sarebbe stato duro stare lontani. Se fossimo stati uniti nel cuore non saremmo mai stati lontani, avremmo avuto il nostro amore, sarebbe rimasto dentro di noi e ci avrebbe tenuto insieme. –Mary, 5.05

Credo che a volte gli uomini dicono alle loro donne che le cose non sono giuste nei loro confronti solo perché non vogliono assumersi le responsabilità. –Caroline, 5.06

Credo che non sarebbe giusto deludere un amico che ha tanto bisogno di me. –Albert, 5.06

Le persone fanno una città, non gli edifici. –Hanson, 5.06

Molte volte pensiamo che una cosa non ci piaccia finché non l’abbiamo perduta. –Caroline, 5.06

Si può fare qualsiasi cosa se si lavora insieme. –Caroline, 5.06

Se abbiamo discusso è perché tu ci interessi. –Charles, 5.07

Come scrisse il grande giornalista Albert Richardson, “un giornale è come il latte di una madre per una città appena nata”. –Sterling Murdock, 5.06

Non esiste il termine “non si può”. –Nels, 5.08

Io non credo che la libertà di stampa dia a nessuno il diritto di infangare il buon nome di un cittadino o di distruggerlo. –Charles, 5.08

La libertà di stampa, dice papà, è importante come tutte le altre nostre libertà, però non se ne dovrebbe mai abusare. –VFC Laura, 5.08

Quella ragazza è stata il mio tesoro fin dalla prima volta che entrò qui. Io voglio che mi ricordi. –Nels, 5.09

È normale che i bambini combinino guai. –Charles, 5.09

Come puoi non parlare dei tuoi problemi alla persona che ami? –Caroline, 5.09

Mary, fin dal primo giorno che sono diventato cieco ho avuto paura di non saper affrontare quello che poteva succedere. Ma so che quello di cui ho paura non è fuori di qui, ma è dentro di me e se c’è qualcosa, qualunque cosa che devo fare e che voglio fare, lo faccio perché ci provo. –Adam, 5.09

Basta soltanto decidere di fare una cosa e poi la si fa. –Mary, 5.09

L’uomo non divida ciò che Dio ha unito. –Alden, 5.09

Albert, senti, quando tante persone devono vivere in una casa piccola come questa, ben basta che una sola sia disordinata perché tutti ne soffrano. –Caroline, 5.10

Non credevo di contare tanto per te. –Albert, 5.10

Non giudicare se non vuoi a tua volta essere giudicato. –Nellie, 5.11

Ci sono molto modi di imbrogliare e forse alcuni sono peggiori di altri. –Charles, 5.11

L’unica cosa che esigo dai miei figli è che usino il cervello e che facciano sempre il loro meglio in qualsiasi cosa. È tutto quello che chiedo ai miei figli. Quando non usi l’abilità e il cervello che Dio ti ha dato, imbrogli, imbrogli Dio e te stesso. –Charles, 5.11

C’è una cosa molto più importante che essere accettato da tutti ed è essere sinceri con se stesso. –Charles, 5.11

Il Signore è sempre pronto ad ascoltare, dovunque l’uomo lo preghi. –Joe Kagan, 5.12

Quale fiducia si può avere di una persona che imbroglia un cieco? –Charles, 5.12

La carità comincia in casa. –Nellie, 5.13

Non c’è niente di mostruoso nel dire la verità. –Nels, 5.13

Certe cose hanno bisogno di tempo, tesoro. –Charles, 5.13

Anche lui ti ama, perciò non esistono problemi che non possiate risolvere. –Charles, 5.13

È scritto nel Libro di Zoar: “un uomo non è veramente un uomo finché non si unisce con una donna.” –Isaac Singerman, 5.15

Albert, non vergognarti mai di ciò che hai fatto, soltanto di ciò che non hai fatto. –Isaac Singerman, 5.15

Nel nostro villaggio c’era questo detto: “un padre può mantenere dieci figli, ma dieci figli non mantengono un padre.” –Isaac Singerman, 5.15

Albert, c’è una parola ebrea, rakmones, che in inglese significa “compassione”. Una vita senza rakmones non vale la pena di essere vissuta. –Isaac Singerman, 5.15

La nostra fede dice che quando si fa la carità, bisogna farla in modo che la persona che la riceve non provi alcuna vergogna. –Isaac Singerman, 5.15

Teniamo la testa coperta per ricordare sempre che l’uomo non è tanto grande, che c’è qualcuno al di sopra. –Isaac Singerman, 5.15

Se non sai ribattere alle persone bigotte, non sei meglio di loro. Anzi sei peggiore, sai che è sbagliato e non hai il coraggio delle tue convinzioni. –Charles, 5.15

I chiodi sono una vergogna per un vero artigiano. –Isaac Singerman, 5.15

Il tempo non significa niente e nemmeno la lode. Competere con gli altri non significa niente. Quello che importa è solo il compito che ti attende e tu devi dargli tutto, tutto. –Isaac Singerman, 5.15

Alcuni uomini non piangono perché temono che sia un segno di debolezza. A me hanno detto che un uomo è un uomo solo perché può piangere. –Isaac Singerman, 5.15

Un artigiano deve cercare di non essere uno scroccone. Uno scroccone è colui che prende e prende e non da mai niente in cambio. Il buon Dio ci ha donato gli alberi per la nostra vita, perciò noi dobbiamo piantarne degli altri. –Isaac Singerman, 5.15

Non devi incolpare l’Onnipotente per le azioni degli uomini malvagi. Dio ci da la libertà di scegliere tra il bene e il male. È colpa sua se alcune persone scelgono di seguire il male? –Isaac Singerman, 5.15

Se gli esseri umani sono capaci di fare queste domande, allora una risposta deve esserci. Continua a chiedere, continua a cercare, Albert, e troverai le risposte. –Isaac Singerman, 5.15

È uno dei piaceri dei vecchi, scegliere sempre il meglio. –Isaac Singerman, 5.15

Un uomo non deve essere uno scroccone neanche con la vita. –Isaac Singerman, 5.15

Il tempo che adesso lascio non ha niente a che fare con me, non è più mio, proprio come non era mio il tempo prima che fossi nato. –Isaac Singerman, 5.15

Un artigiano non lascia mai un’opera a metà. –Isaac Singerman, 5.15

La lontananza non significa niente quando si vuole bene. –Hester Sue Terhoun, 5.16

Non fargli credere ciò che forse non si avvererà. –Timothy, 5.16

– È un grande peccato mentire. –Laura

– Ma non lo è tacere. –Jordan, 5.16

C’è una cosa che tutti impariamo con l’età: è saper soffrire. –Dr. Baker, 5.16

Sai cosa significa essere innamorati, si soffre. –Caroline, 5.17

Un atto di gentilezza non resta mai impunito. –Charles, 5.17

Ogni famiglia ha delle usanze diverse. –Caroline, 5.18

Le persone possono cambiare. –Adam, 5.18

La felicità non si misura dalle dimensioni di una casa. –Charles, 5.18

Vogliono una sola cosa: che facciano ciò che per loro è più giusto. –Charles, 5.18

Io so cosa accade quando la giustizia scompare e non mi sento di condannare nessun uomo quando non si può provare la sua colpa. –Kagan, 5.20

Si dimentica quando si fa qualcosa che non va. –Charles, 5.21

Non devi farti compiangere. Il poter continuare a sopravvivere deve dipendere solo da te. –Charles, 5.21

Non contare mai su quello che non sai per sicuro. –Mary, 5.21

La gente con una buona reputazione può fregare gli altri più facilmente che non con una brutta reputazione. –Gargan, 5.22

A volte fa bene sfogarsi con chi non si conosce. –Charles, 5.22

Si può anche vedere un drago credendoci. –Charles, 5.22

Ci sentiamo tutti dispiaciuti per noi stessi, ogni tanto, almeno io. Bisogna lavorare duro per essere felici. –Charles, 5.22

Non è tardi per provarci. –Charles, 5.22

Chiunque può avere un figlio senza per questo essere un padre. –Charles, 5.22

– Non c’è modo di obbligare qualcuno ad amarti. –Signor Harper

– Avete mai provato a farvi amare? –Charles, 5.22

Amare e avere bisogno non sono però la stessa cosa. –Charles, 5.22

La realtà non è così cattiva. –Gwen, 5.24

– Io parlo per il tuo bene, lo sai. –Gwen

– Perché i genitori dicono sempre questa frase quando non vogliono dire la verità? –Dylan, 5.24

Non si lasciano tracce quando si va via di casa. –Albert, 5.24

Il crimine non paga! –Albert, 5.24

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.