Aforismi

Smallville Stagione 5 (2005-2006)

Le lingue lunghe affondano le navi. –Chloe, 5.01

Dico sul serio, Clark, se gli umani fossero come te il mondo sarebbe migliore. –Chloe, 5.01

– Come mai ho la sensazione che tu non sia affatto sincero con me? –Lex

– Beh non ne ho idea. –Clark

– Comincio a pensare che per te mentire sia diventata un’abitudine, Clark. –Lex

– Non mi va di essere offeso. –Clark

– Allora comincia ad essere più sincero. Se sei mio amico devi dirmi la verità. –Lex, 5.01

È solo legno e cemento, Martha. La nostra famiglia è ancora in piedi, per fortuna. Con qualche acciacco forse, ma ancora più unita. –Jonathan, 5.01

Ci sono cose che non cambiano mai. –Lana, 5.01

Il destino non si può scegliere, non scordarlo. –Clark, 5.02

Senti Clark, tutti abbiamo sbagliato ma è acqua passata. Per qualche motivo ci è stata data un’altra occasione e spero di non ricostruire soltanto la città. –Lex, 5.02

Quello che abbiamo fatto appartiene al passato e il passato non può farci del male. –Clark, 5.02

– La felicità è una creatura sfuggente, non è così? Tutti la desideriamo ma in pochi riescono a trovarla. –Lex

– Nonostante questo la ricerca prosegue. –Chloe

– È nella natura umana. –Lex, 5.02

Smettila di farmi domande o poi dovrai rispondere alle mie. –Chloe, 5.02

Ognuno ha i suoi segreti, Clark. –Chloe, 5.02

Chi diventa un eroe resta un eroe. –Chloe, 5.02

Clark, tu forse hai voltato pagina ma ci sono persone che non dimenticano il passato. –Chloe, 5.02

Non si può mai dire che cosa accadrà domani, non è vero? –Clark, 5.02

– Sai, quando cominci a blaterare di astronavi e di alieni le persone ti guardano strano. –Lana

– Evidentemente non hanno in te la fiducia che ho io. –Lex, 5.03

– Abbiamo tentato in tutti i modi. –Tecnico

– Alla Luthor Corporation se ne trovano di nuovi. –Lex, 5.03

Nell’universo c’è una risposta per ogni domanda. Ora, se trova questa sfida troppo impegnativa cercherò qualcun altro più audace. –Lex, 5.03

In natura ogni atto deve essere controbilanciato. –Jor-El in Lionel, 5.03

Ricordati: le lezioni che apprendiamo dal dolore sono quelle che ci rendono più forti. –Jor-El in Lionel, 5.03

Non è facile sacrificare quello a cui uno tiene di più pur di salvare altre persone. –Jonathan, 5.03

Lo sai non ho mai creduto nei miracoli ma oggi non ho fatto che invocarne uno per tutto il giorno. –Lex, 5.03

– Quando ti renderai conto, Lex, che lui è esattamente come tutti noi? –Lana

– Ci credi veramente? O te ne vuoi convincere perché la vostra relazione sia possibile? –Lex, 5.03

Vorrei tanto poterti svelare il labirinto del mio subconscio. Mi dispiace deluderti, figliolo. –Lionel, 5.03

Ho riavuto mio padre, posso essere deluso? Al contrario direi che si deve festeggiare. –Lex, 5.03

La normalità è molto sopravvalutata. –Chloe, 5.03

Non potrò mai sfuggire a quello che sono veramente. Le bugie ricominciano. –Clark, 5.03

Se tu veramente credi di poter stare con Lana e non dirle niente, allora le bugie le dici a te stesso. –Chloe, 5.03

Il mondo non ha scelto di aver bisogno di eroi, ma purtroppo è così. –Chloe, 5.04

– La storia non riguarda principalmente i fatti. L’importante è il contesto e anche chi racconta le storie. Dunque, qual è la sua storia? O la sua, laggiù? O la sua storia signor Kent? Come influenzerà il mondo o le generazioni a venire? –Professor Milton Fine

– È difficile saperlo a diciott’anni. –Clark

– Lo vada a dire a Alessandro il Grande, o per stare più vicini a noi, a Lex Luthor, è poco più grande di lei e ha trasformato l’azienda del padre in uno dei primi fornitori del Ministero della Difesa. È passato dallo sfamare la gente all’ucciderla e comunque la sua storia è quella di un eroico cavaliere che ha portato una cittadina del Kansas alla ribalta. Diffidate degli eroici cavalieri, perché di solito non uccidono i draghi, li addestrano perché servano ai loro oscuri propositi. Pensate a Hitler, Stalin, Napoleone. –Professor Milton Fine

– Lex non è un santo, ma non credo si possa accumunarlo a quella gente. –Clark, 5.04

– Groucho Marx ha detto: “vuoi sapere se un uomo è onesto? Chiediglielo. Se dice di sì è un disonesto”. –Professor Milton Fine

– Pensavo che un professore di college citasse Karl Marx, non Groucho. –Clark

– La filosofia è facile. La comicità è difficile. –Professor Milton Fine, 5.04

Sai cosa c’è di peggio della paura di dire la verità, Kent? La paura di scoprirla. –Professor Milton Fine, 5.04

La parte migliore del mio lavoro: guardare sogni impossibili diventare realtà. –Lex, 5.04

Il mare è pieno di pesci, dottoressa. Se qualcuno finisce a pancia in su non è un dramma. –Lex, 5.04

Un giorno al college ed è già un attivista. –Lex, 5.04

Se credi che mi spaventino le azioni criminali di qualche estremista allora vuol dire che non mi conosci bene. –Lex, 5.04

Ho una gran sete di conoscenza ed è di quelle che non si estinguono mai. –Lex, 5.04

Sarai pure un bravo pesciolino in acqua, ma sulla terra sono io lo squalo. –Lex, 5.04

– Ti capita mai di fermarti a pensare al tuo futuro? –Clark

– Continuamente. Il mondo è complicato, Clark. Soltanto gli sprovveduti lo vedono in bianco e nero. –Lex

– Lo sai, l’altro giorno un professore ha accusato la Luthor Corporation di ogni nefandezza e te di essere quasi il diavolo. –Clark

– Beh, non gli avrai raccontato del mio forcone, vero? –Lex

– Io ti ho difeso. Forse sono uno sprovveduto. –Clark, 5.04

La storia ci insegna che ogni decisione presa da un uomo ha effetto sulla sua vita. –Professor Milton Fine, 5.04

Ne ho conosciuti tanti che volevano conquistare il mondo, ma pochi che in realtà volessero salvarlo. –Lois, 5.04

Curiosità: è come la spina dorsale di un buon reporter. –Pauline Kahn, 5.05

Tutti a un certo punto dobbiamo svegliarci, Sullivan e poi i sognatori non hanno molto futuro. –Pauline Kahn, 5.05

La questione è: voi lascerete la vostra impronta sui lidi del tempo? O consentirete che sia cancellata dalla risacca di uomini più potenti? –Professor Milton Fine, 5.05

La calunnia c’è se non c’è verità. –Professor Milton Fine, 5.05

– So che è un uomo molto impegnato, le risparmio del tempo. Lì c’è tutta la mia vita: gli eventi importanti, tutti i successi, tutti i fallimenti sin dal giorno in cui sono nato. –Professor Milton Fine

– E io dovrei prendere tutto per buono? –Lex

– Non sarebbe il grande Lex Luthor se lo facesse. No, spenderà una fortuna controllando e ricontrollando convinto che ciò che crede sia vero. –Professor Milton Fine

– E cioè? Cos’è che credo professore? –Lex

– Che ognuno nasconda segreti oscuri quanto i suoi. –Professor Milton Fine, 5.05

Non si dà inizio a una partita che non si può vincere. –Professor Milton Fine, 5.05

Non sempre si può scegliere ciò che si è. A volte il destino ci trascina in posti dove non vorremmo andare e non possiamo farci niente. –Lana, 5.05

La cosa più eccitante quando hai finito un pezzo è farlo leggere a qualcun altro. –VFC Chloe, 5.05

– Clark! –Chloe

– Meno capelli e più soldi. –Lex, Scene Inedite, 5.05

Se non voglio restare tutta la vita nei sotterranei devo correre qualche rischio. –Chloe, 5.06

Sei scomparso da settimane, non credo che un “ciao” sia chiedere troppo. –Lex, 5.06

Per vincere le elezioni, Clark, non ci si può affidare al caso. –Lex, 5.06

La gente non parla, ma gli archivi ti dicono tutto. –Chloe, 5.06

Sono sicuro che ha un ottimo punto di vista dal suo pulpito, ma non salga troppo in alto, signor Kent, o non potrà vedere bene le persone che la circondano. –Lex, 5.06

La vita ha riservato a tutti noi qualche triste sorpresa! –Jonathan, 5.06

Tutti fanno degli errori. Sai perché non esistono più gli eroi? Perché alla fine dei conti le persone oggi non li rispettano, ma li invidiano e aspettano solo che facciano uno sbaglio. –Jack, 5.06

– Dimmi cosa ti ricordi di Re David, più o meno. –Lex

– Re David uccise Golia e salvò il suo popolo. –Clark

– E anni dopo vide una splendida donna che faceva il bagno e si innamorò di lei. Purtroppo la donna era la moglie del suo migliore amico. Sai che cosa fece il nostro eroe? Spedì il suo grande amico a morire in battaglia per averla tutta per se. –Lex

– Questa parte non la raccontano. –Clark

– Tutti abbiamo bisogno di credere negli eroi, ma anche i migliori sono lontani dalla perfezione. –Lex, 5.06

We all need to believe in heroes, Clark. And even the best ones are far from perfect.

Non si riesce a portare la maschera da eroe tanto a lungo, Clark. –Jack, 5.06

Se permettiamo a due giorni difficili di distruggere 25 anni di amicizia vuol dire che non eravamo amici come credevo. –Jonathan, 5.06

Bruto e Cesare. Gesù e Giuda. All’inizio grandi amici. Cos’è accaduto? Beh la storia ci insegna una cosa, ovvero che anche gli uomini più potenti possono essere traditi da coloro di cui si fidano di più. Il tradimento è un elemento dominante nella storia per un semplice motivo: la falsità è nella natura umana. –Professor Milton Fine, 5.07

Lex Luthor è il Leonardo da Vinci della malvagità. Secondo me un attacco così diretto non è nel suo stile. –Chloe, 5.07

Voglio risultati, Griff, non giustificazioni. –Lex, 5.07

Ci sono porte che non possono essere chiuse una volta aperte. –Lex, 5.07

Questa astronave è una delle più importanti scoperte di tutta la storia dell’umanità. C’è gente che ucciderebbe per molto meno. Se ti avessi detto la verità e ti fosse accaduto qualcosa non me lo sarei mai perdonato. –Lex, 5.07

Io ti sto offrendo un’occasione irripetibile, sta a te prenderla oppure no. –Lex, 5.07

Oggi ho condiviso con te il segreto più importante del mondo. Che cosa ci guadagnerei a mentirti adesso? –Lex, 5.07

Mi ucciderei piuttosto che tradirti. –Chloe, 5.07

Lex, il punto non è perseguire il bene comune, né acquisire potere. Il tuo obiettivo è cambiare il modo in cui ti vede la gente, esatto? Per questo ti sei candidato. Ma se anche diventassi il Presidente degli Stati Uniti credi che farebbe differenza? Le persone che ti sono più vicine sapranno sempre che cosa serbi davvero nel tuo cuore. È per questo che Lana Lang non ti amerà mai. –Lionel, 5.07

Non voglio che la paura condizioni la mia vita o rovini la vostra. –Clark, 5.07

Quale figlio non vorrebbe sapere tutto sul padre non presente? Ma, come tutti i grandi della storia, può essere compreso solo nel contesto appropriato. –Professor Milton Fine, 5.08

Puoi mettere lo smoking allo strimpellatore ma sempre strimpellatore sarà. –Lionel, 5.08

Non vorrai diventare un eccentrico come Howard Hughes, ricordato più per le chilometriche unghie dei piedi che per il contributo dato alla società. –Lionel, 5.08

È la cosa più brutta perdere chi ami, ma avresti imparato a superare quel momento. –Martha, 5.08

Pensavo non soffrissi più di cleptomania, papà, ma le vecchie abitudini sono dure a morire. –Lex, 5.08

Oh Lex, Lex! Quante volte ti ho detto che se non hai cura delle cose a cui tieni di più un giorno potrebbero sparire? –Lionel, 5.08

Quando arriva il nostro momento non possiamo opporci. Nessuno vive in eterno, è così che vanno le cose. A noi non resta che vivere al meglio la nostra vita, cercando di trascorrere quanto più tempo possibile con le persone che amiamo. –Jonathan, 5.08

È questo il bello di essere sotto i riflettori: quello che viene pubblicato sui giornali è Vangelo, senza badare se è vero o no. –Griff, 5.09

Non pensavo che un giorno avrei detto questa cosa: se fossi mio figlio non potrei essere più orgoglioso. –Jonathan nel sogno di Lex, 5.09

Segui il tuo cuore non la tua ambizione. –Lilian nel sogno di Lex, 5.09

La mia vita non è affatto come l’avevo programmata, eppure non sono mai stato così felice. –Lex nel sogno, 5.09

Come faccio ad avere dei nipoti se non ho un figlio? –Lionel nel sogno di Lex, 5.09

Non capisci che sono le decisioni che hai preso che ti hanno portato a vivere questo momento? –Lionel nel sogno di Lex, 5.09

Lana io ti amo. Forse te lo dico sempre, non lo so, ma ti prego credimi. Io ti amo davvero. Sono innamorato di te da tutta la vita. –Lex nel sogno, 5.09

– Il dottor Litvack mi ha parlato dei rischi che mi hai fatto correre facendomi operare. Una scommessa alquanto azzardata, non trovi? –Lex

– Al contrario Lex, ti dico invece che anche se quello che ho fatto può apparire come un atto di egoismo, optare per l‘intervento è stata una decisione molto ponderata. –Lionel

– Che però tu non avresti dovuto prendere. Sei andato contro il parere del medico non perché volevi salvarmi, ma perché non sopportavi l’idea di avere uno storpio come figlio. –Lex

– Puoi anche odiarmi per aver voluto rischiare, ma io ho dovuto scegliere. E tu sei vivo e puoi camminare. Dovevo darti una chance! –Lionel

– E se per caso non ce l’avessi fatta? Come avresti giustificato la tua decisione? Come ti sei permesso di giocare con la mia vita? –Lex, 5.09

Ah non temere, Griff, noi Luthor siamo fatti di un materiale resistente e decisamente costoso. –Lex, 5.09

Non capita ogni giorno di vedere la morte in faccia. E sai una cosa? Proprio come è successo a (Ebenezer) Scrooge, mi sono reso conto che quello che desidero di più è vivere per sempre felice e contento. E sai qual è il segreto per vivere per sempre felici e contenti? Il potere. Soldi e potere: quando si hanno queste cose si riesce ad ottenere anche tutto il resto. E a non farselo portare via. –Lex, 5.09

Fa tutto il possibile per escludere Kent dalla corsa al Senato. Voglio vincere io e prendermi tutto. –Lex, 5.09

Tucidide disse: “siamo dei re tra gli uomini o delle pedine dei re?”. –Lex, 5.10

I grandi leader si distinguono perché sanno vedere oltre i confini e sanno bene come oltrepassarli. Mai fermarsi, mai arrendersi. La sconfitta non è un’opzione. –Lex, 5.10

Qualsiasi cosa per tenere alto il morale delle truppe. –Lex, 5.10

Quello che si dice è proprio vero: “dietro ogni grande uomo c’è sempre una grande donna”. –Lionel, 5.10

– Perché un seggio al senato è tanto importante per te? –Clark

– È un primo passo. –Lex

– Per cosa? –Clark

– È come se Apollo chiedesse a Icaro perché stia costruendo delle ali. Tu hai trovato quello che desideri, Clark, io invece lo sto ancora cercando. –Lex

– E se non vinci? E se vinci e ti rendi conto che non era quello che cercavi? –Clark

– C’è sempre la Casa Bianca. –Lex, 5.10

Colpisci il tuo avversario, ma non renderti mai vulnerabile. –Samantha che cita Lex in un articolo, 5.10

Forse avrai letto qualcosa su di me, ma non t’illudere di conoscermi! –Lex, 5.10

– “Considera i tuoi soldati come figli e loro ti seguiranno nei sentieri più impervi. Guardali come se fossero i tuoi prediletti e loro…” –Lionel

– “…loro staranno vicino a te fino alla morte.” Non occorre che mi reciti L’arte della Guerra (Sun Tzu) . L’ho letto da cima a fondo tre volte prima di finire il liceo. Anche se avrei preferito una bicicletta per il mio quattordicesimo compleanno. –Lex, 5.10

Vuoi sapere la verità? L’ho fatto perché è una cosa che mi devo conquistare da solo. –Lex, 5.10

Che cosa ti costava almeno per una volta metterti dalla mia parte? –Lex, 5.10

Clark non ti lascerei mai andare con tanta facilità. –Lana, 5.10

Non c’è nessuno che non abbia qualcosa da nascondere. –Responsabile della Campagna di Lex, 5.11

– Quando ci baciamo, quando ci baciamo sul serio io lo sento quanto mi vuoi, perché non possiamo stare insieme? –Lana

– È complicato. –Clark

– Non dovrebbe, quando ami una persona no. –Lana, 5.11

A volte la verità non è così facile da condividere con chi ami. –Martha, 5.11

Che senso ha vincere se il diavolo ti ha preso l’anima? –Jonathan, 5.11

Sei tra le poche cose buone della mia vita. Spero che tu lo rimanga. –Lex, 5.11

Se condividere chi sono con qualcuno è un rischio, io voglio rischiare con lei. –Clark, 5.12

Ogni grossa decisione comporta qualche rischio. –Martha, 5.12

È dura guardare tuo figlio e realizzare che stai parlando ad un uomo, un uomo che non ha più bisogno del consiglio di suo padre. –Jonathan, 5.12

Ci sono poche persone al mondo che sanno davvero quello che vogliono e che sono pronte a rischiare per ottenerlo. –Chloe, 5.12

In qualunque modo vada, l’unica vittoria che ha cambiato la mia vita è stata quella sul tuo cuore. –Jonathan, 5.12

Dalla nascita sono stato marchiato dai peccati di mio padre. Per una volta, Lana, volevo liberarmi della sua ombra. Strano no? –Lex, 5.12

Dopo tutto quello che io ho fatto per te, come fai a mentirmi? –Lex, 5.12

Cosa c’è di peggio che perdere la persona che ami? –Lana, 5.12

C’è un motivo se la gente a volte tira su dei muri. –Lana, 5.12

Non riesco a capire. Che ragione c’è di mentire a chi si ama davvero? –Lana, 5.12

È ovvio che stai soffrendo, ma rinchiudersi in se stessi non allevia il dolore. –Lana, 5.13

Le scuse hanno più valore se non si è ubriachi. –Lex, 5.13

Se vogliamo aiutarlo il modo migliore che abbiamo è fargli capire che può sempre contare su di noi. –Lana, 5.13

Se un giorno tu avessi mai bisogno di aiuto pensa che io ti sarò sempre accanto. –Lex, 5.13

Un duello significa affrontare l’avversario, tu preferisci attaccare quando non se l’aspetta. –Lex, 5.13

– Allora che cosa hai intenzione di fare? Vuoi spararmi in testa? –Lex

– Non essere melodrammatico, Lex. Non userei mai questa. Non ha prezzo. Il Generale MacArthur l’aveva con se quando è tornato nelle Filippine. E sai cosa disse, figliolo? Disse: “io sono tornato”. –Lionel

– Stai correndo troppo, papà. Non sei ancora vicino alla spiaggia. –Lex, 5.13

Non è giusto che ti portino via così una persona cara. –Clark, 5.13

Più rifiuta di accettare la realtà e peggio sarà per lui. –Martha, 5.13

– Deve essere umiliante tirare tutti quei fili e scoprire che sono attaccati al nulla. –Lionel

– Soprattutto quando tuo padre ha in mano delle forbici. –Lex, 5.13

– A che serve una famiglia se non ci si da una mano ogni tanto? –Lionel

– Nella remota eventualità che l’incrollabile lealtà famigliare venisse meno, restano sempre i ripostigli Luthor in cui frugare. –Lex

– Ah come sempre vai subito al dunque, Lex. Quale antico scheletro credi di riaver riesumato stavolta? –Lionel

– Bhehe non è ancora diventato uno scheletro stavolta. Direi che è un cadavere appena sepolto. –Lex, 5.13

Qualsiasi cosa ti serva sappi che sarò sempre felice di aiutarti, ricordalo. Da amico. –Lionel, 5.13

L’esilio è il prezzo da pagare se vuoi essere giudice, giuria e giustiziere. –Chloe, 5.13

– So che mi dovrei rassegnare, ma la vita senza di lui… non sembra reale. –Clark

– Sei come congelato e il mondo continua a girare intorno a te. Non importa quante persone cerchino di aiutarti, alla fine comunque devi fare tutto da solo. –Lana, 5.13

Io sono una che scrive. Se decidessi di uccidermi lascerei un biglietto d’addio molto dettagliato. –Chloe, 5.14

Lo so quanto è difficile cercare di ridare un senso alle cose normali dopo che… si è perso chi si amava. –Lionel, 5.14

Clark questo è un piccolo ospedale. Se Chloe si fosse sbucciata un ginocchio andrebbe bene, ma questa cosa richiede un tocco più delicato. –Lex, 5.14

Fai sempre del male a chi ami. Non è un segreto, solo una cosa che devi imparare. –Michael, 5.14

Dovevamo parlare, Clark, è questo che fanno le coppie in certi momenti, ci si aiuta a vicenda. –Lana, 5.14

Forse tutti abbiamo dei segreti. –Lana, 5.14

– Perché ho paura. E se poi guardandola negli occhi vedessi me stessa? –Chloe

– E se aspettando troppo perdessi l’occasione di guardare in quegli occhi? –Clark, 5.14

Tutto ciò che cerco sempre di fare è aiutare i miei amici, Lana. Forse non lo faccio sempre nel modo giusto, ma non sono il cattivo che tutti vorrebbero che fossi. Spero che un giorno sarai in grado di vedermi per quello che sono veramente. –Lex, Scene Inedite, 5.14

– Dobbiamo parlare! –Clark

– Dovresti migliorare le tue entrate in scena. Troppo brusche, non credi? –Lex

– Che cosa sai della Cyntechnics? –Clark

– Ecco, vedi è questo il problema. Niente preamboli, niente convenevoli, tu vai dritto alle accuse. –Lex

– Non ti ho accusato di niente. –Clark

– Non è necessario. Il tuo tono indignato dice tutto. Allora, che avrei fatto questa volta? –Lex

– Hai trasformato Victor Stone in un uomo di latta senza il suo consenso. –Clark

– Victor Stone il giocatore di football? Avevo letto che era morto in un incidente. –Lex

– Lo ha fatto credere la Cyntechnics per poter fare i suoi esperimenti. –Clark

– Allora dovresti prendertela con la Cyntechnics. –Lex

– La Luthor Corporation l’ha comprata sette mesi fa. –Clark

– Clark, solo nell’ultimo trimestre la Luthor Corporation ha comprato e venduto oltre cento piccole aziende. –Lex

– Non sai che cosa succede nella tua società? –Clark

– No, dico che dirigo un’impresa multinazionale. La complessità del suo funzionamento richiede che io deleghi delle responsabilità. Se qualcuno sta abusando del suo ruolo, prenderò le misure necessarie per raddrizzare la situazione. –Lex, 5.15

Il cuore spesso offusca la nostra capacità di giudizio. –Lex, 5.15

A me sta a cuore soltanto il tuo bene. Lascia che me ne occupi io, ti prego. –Lionel, 5.15

– Pensi sempre che il fine giustifichi i mezzi, Lex. –Clark

– Quello che penso è che certi miracoli hanno un prezzo, ma non per questo sono meno prodigiosi. –Lex, 5.15

What I think is that some miracles have a price. But that doesn’t make them less profound.

Mio padre mi ha insegnato a non svelare le mie carte. –Lex, 5.16

Conoscere il mio segreto non vuol dire sapere che cosa provo. –Clark, 5.16

– Sapeva che arrivavo. –Lex

– Quando lasci le briciole non ti sorprende che la cornacchia arrivi gracchiando. –Professor Milton Fine

– Credo che una semplice telefonata sarebbe bastata. –Lex, 5.16

Tutti attraversiamo delle temporanee crisi d’identità prima o poi nella vita. –Chloe, 5.16

Quante volte devo spezzare il cuore di qualcuno prima che vada in pezzi? –Clark, 5.16

Di rado le cose finiscono come noi vogliamo. –Martha, 5.16

Non sei stata stupida, hai soltanto creduto nella persona sbagliata. –Lex, 5.16

Buona strategia, senatrice. Se ti attaccano non esitare, contrattacca. –Lionel, 5.17

Non volevi mentirmi ma sei entrata in casa mia e hai tentato di derubarmi. Come una tossica alla disperata ricerca di una dose. –Lex, 5.17

Forse sarebbe il caso che noi smettessimo di aggrapparci alle persone che abbiamo perso e ci occupassimo invece di chi è ancora nella nostra vita. –Lex, 5.17

Il bello delle macchine costose è che hanno tutte l’antifurto satellitare. –Lex, 5.17

Non voglio più ritrovarmi così dipendente, qualunque sia la cosa che cerco. –Lana, 5.17

Tu sei l’unica a sapere della mia trasgressione. Mi sento sicuro ad affidarti il mio destino. –Lex, 5.18

Le persone non sono sempre quello che credi. –Clark, 5.18

I figli non devono per forza essere come chi gli ha dato la vita. Vedi, Maddie, chiunque può essere padre, ma solo chi è speciale è un papà. –Clark, 5.18

Il fatto che sei sua figlia non significa che sei destinata a seguire le sue orme. –Clark, 5.18

– Se l’altra sera ti ho dato un’impressione sbagliata ti chiedo scusa. –Lex

– Non devi chiedere scusa per cose che non sono mai successe. –Lana

– Beh non sarebbe la prima volta. –Lex, 5.18

Non sto giocando per vincere, gioco per istruire. –Lex, 5.19

Vederti fallire miseramente mi ha più che ripagato. –Lex, 5.19

La chiave del gioco degli scacchi sta nell’anticipare le mosse dell’avversario e tenerlo sulla difensiva. –Lex, 5.19

Mi stai chiedendo di dimenticare quei baci? Perché a meno che non prenda un brutto colpo in testa, è un ricordo che di certo se ne resterà lì piuttosto a lungo. –Lex, 5.19

Ripeti tante volte una bugia e finirai per crederci. –Sequestratore, 5.19

Ci voleva un momento così perché fossimo di nuovo insieme. Quando tutto sarà finito potremmo cercare di ritrovare i nostri punti in comune. –Lex, 5.19

Non è mai troppo tardi per cambiare. –Martha, 5.19

Non tormentarti, la tua vita è troppo importante. –Lionel, 5.19

– Noi uomini potenti, figliolo, esercitiamo una certa attrazione sugli squilibrati. –Lionel

– Non è stata la follia a spingerlo a questo, papà, sei stato tu. –Lex

– Tutti commettiamo degli errori, lo sai. –Lionel

– E i tuoi stavano per costare la vita a Martha Kent. –Lex, 5.19

– Dal monitor ho sentito cos’hai detto, come lui sia un ragazzo speciale. Che cosa volevi dire? –Lex

– Intendevo dire… che è il classico figlio di cui un padre può andare fiero. –Lionel, 5.19

Penso che molta gente abbia un lato di sé che tiene nascosto. –Lionel, Scene Inedite, 5.19

– Sono stato via solo una settimana, ma casa mi è mancata davvero molto. –Lex

– Che ha di così speciale la tua Smallville? –Lana

– No, non so, le mucche, i campi di grano, tutti quegli spazi aperti. –Lex

– A me sei mancato tu. –Lana

– E a me tu, non sai quanto. –Lex, 5.20

Quando sei ricercato essere invisibile diventa utile. –Chloe, 5.20

Perché hai bisogno di lanciare una bomba ogni volta che esco con qualcuno? –Lois, 5.20

Ci sono molte persone che vogliono vedermi esalare l’ultimo respiro, ma non sarà molto facile per loro. Ho delle ottime ragioni per vivere. –Lex, 5.20

Peccato che si debba essere in punto di morte per avere intorno i vecchi amici. –Lex, 5.20

So che provi rancore, ma merita lo stesso un briciolo di rispetto. –Lex, 5.20

– Credo che ci sia una ragione se incappiamo in cattive relazioni. –Martha

– Se davvero c’è una ragione per tutto questo muoio dalla voglia di saperla. –Lois

– Forse devi incontrare tanti uomini sbagliati così potrai riconoscere quello giusto. –Martha, 5.20

– Se vedo qualcuno che annega gli lancio una corda. –Chloe

– Sì, ma se quella persona fosse un killer? Senza di lui penso che il mondo sarebbe migliore, o sbaglio? –Clark

– È… è che non si può fare altro. Insomma, chiedilo a un dottore o a un vigile del fuoco o a chiunque faccia un lavoro da eroe. Prima salvi e dopo ti chiedi se è giusto. –Chloe

– Sì, forse hai ragione. È che non è così facile. –Clark

– Specie quando la persona che salvi è Lex Luthor. –Chloe

– Non volevo mettere in dubbio la tua amicizia. –Clark

– Eri arrabbiato e lo posso capire. Insomma, non è proprio una passeggiata nel parco vedere qualcuno che ami nelle braccia di un altro. –Chloe

– Ma di tutte le persone al mondo, perché con Lex? –Clark

– Esattamente come non puoi scegliere le persone da salvare, così non puoi controllare con chi esce la tua ex. È la vita. –Chloe, 5.20

Sfidare un diretto superiore può facilmente portare al licenziamento. –Lex, 5.21

– Sei stato tu a insegnarmelo: gli amici vicini e i nemici ancora di più. –Lex

– Questo è un nemico che non conosci e non sapendo chi ti dorme accanto potresti avere uno spiacevole risveglio. –Lionel, 5.21

Conoscere è potere. –Clark, 5.21

Tutto sommato tu sei l’unica al mondo con cui posso confidarmi. –Lex, 5.21

– Cos’è questo posto? –Lana

– Il futuro e vorrei che fossi al mio fianco quando arriverà. –Lex, 5.21

– Posso? –Professor Milton Fine

– La prego, si serva pure, tanto lo fanno tutti quanti. –Lex

– Qualcuno dice che il brindisi sia stato inventato da un uomo che aveva paura che il suo drink fosse avvelenato. Era un uomo, un uomo di grande ingegno. Fece risuonare il suo calice contro quello dei suoi amici, facendo calare la sua letale bevanda nel drink degli altri in allegria. Quindi brindare con una persona è segno di fiducia. –Professor Milton Fine

– Veramente non ho tanta sete. –Lex, 5.21

Ed ecco perché ho scelto lei, per la sua inesauribile diffidenza e la sua propensione a coprire tutte le basi. –Professor Milton Fine a Lex, 5.21

– Un’altra cosa: mi ha chiamato Lana. Non voglio più sentire che entri nella sua stanza e ficchi il naso nelle sue cose. Se c’è qualcosa che vuoi da me non devi andare a cercarla da Lana. Hai davvero esagerato. –Lex

– Gli anni in cui siamo stati amici aspettavi solo che mi facessi da parte per entrare in scena, vero? –Clark

– Non lo so, Clark. Tutti gli anni in cui hai detto a Lana che l’amavi, aspettavi solo di andartene e di spezzarle il cuore? C’è una tendenza naturale a biasimare quelli che prendono il tuo posto, lo so questo. Ma Lana non te l’ho portata via io. Ci hai pensato da solo a perderla. –Lex, 5.21

Io vorrei tanto avere un cuore pieno di forza e generosità come tuo figlio, Martha. Non ce l’ho. Ma voglio almeno che ti ricordi che sono stato onesto con te. Col tempo magari riuscirai a perdonarmi. –Lionel, 5.21

– Senti, a volte bisogna mettere da parte i sentimenti finché non è il momento giusto. Come quando riempi il salvadanaio per una bici che non puoi comprarti. –Lois

– Purtroppo non ci sono altre bici che mi interessano. –Clark

– Eh non si sa mai, Clark. Quando alla fine rompi il salvadanaio a volte scopri che tutti i soldi che sei riuscito a mettere via ti permettono di comprarti una moto. –Lois, 5.21

Il dolore fa parte della vita, ma non devi lasciare che ti accechi. –Jor-El, 5.22

Sai, Clark, il dono di un coltello al figlio da parte del padre in certe culture rappresenta un rito di passaggio. –Lionel, 5.22

Un grande eroe è veramente tale quando comprende che per un bene superiore è giusto compiere un atto malvagio. Per salvare la Terra il sacrificio di una vita è il prezzo che bisogna pagare. –Lionel, 5.22

– Mi hai messo in guardia su Fine ma io non ti ho ascoltato. –Lex

– Non l’hai mai fatto. Qualunque cosa io ti dessi quello che volevi era sempre al di là della tua portata. Stavolta però hai superato te stesso. –Lionel

– Sei venuto per farmi la predica o ad aiutarmi? –Lex

– È tardi per entrambe le cose. Hai fatto un patto col diavolo e lui viene sempre a riscuotere. –Lionel, 5.22

Lana io non ti mentirei mai. Come potrei nascondere una tale cosa alla persona a cui tengo di più? –Lex, 5.22

Ricordati che ti amerò per sempre. –Lex, 5.22

– Forse non voglio ammettere che tu abbia così poca forza di volontà. –Clark

– È difficile competere con la volontà d’acciaio che ci vuole per uccidere uno dei tuoi migliori amici. Come sapevi che sarei tornato in questo modo? –Lex

– Non ti rendi conto di quanto sei in pericolo. –Clark

– Ho sempre pensato che tu avessi una grande forza interiore. Sei così virtuoso, ciononostante menti. Continuamente. Con me, con Lana, con tutte le persone che ti vogliono bene. Che razza di persona malata agisce così? –Lex

– Se pensi che la mia amicizia sia così fasulla perché hai lottato tanto per conservarla? –Clark

– Perché volevo tutto quello che tu avevi: la famiglia, la vita semplice e serena, la fidanzata fedele. Ah, se non altro mi sono portato via la parte che amavi di più. –Lex

– Non sei te stesso. –Clark

– O forse finalmente lo sono. –Lex, 5.22

Per te non c’è sofferenza più grande dell’assistere all’agonia degli altri. –Zod in Lex, 5.22

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.